top of page

Settembre

COMUNICATO STAMPA_Triathlon: Daniele Di Fresco a Nizza la prossima settimana per il mondiale Ironman

Grande risultato per l’atleta cussino che non nasconde fatiche e aspettative

Domenica 10 settembre sarà una data particolare per Daniele Di Fresco, quarantenne triathleta del Cus Ferrara che a Nizza parteciperà all’Ironman valido come Campionato Mondiale di specialità. Un risultato incredibile al quale puoi solo competere con qualifica sul campo, cosa che Daniele ha fatto a Klagenfurt arrivando 16° nella sua categoria solamente tre mesi fa, a giugno.

Per i non addetti stiamo parlando di 3800 metri a nuoto, 180 in bicicletta, chiusi poi dai classici 42 km e 195 metri di una maratona. Lui li ha fatti in 9 ore e 47 minuti, una eternità di sforzo continuo che però lo ha portato ad entrare nella elìte di quelli che vanno sotto le 10 ore. Un po’ come il club delle 3 ore nella maratona. Sei uno che va forte.

“Ci ho messo 10 anni a decidermi a fare un Ironman, dice Daniele e non pensavo di arrivare così in alto, poi c’è stato Klagenfurt…Così sotto la guida di Mirco Bertasi mi alleno diverse ore al giorno e nel pre gara arrivo a 15 ore settimanali; se si pensa che ho fatto e farò due Ironman in 3 mesi capite l’impegno”. “Io ho un lavoro da turnista in azienda che nell’essenza lascia parecchio tempo libero, prosegue, ma spesso per conciliare vita privata, sport e lavoro gli allenamenti arrivano dopo un turno di notte o ad un orario improbo”.

In una gara così lunga serve allenare parecchio anche la testa.

“La testa la fa da padrone in queste gare; il corpo segue la mente e se questa cede si tira dietro tutto il resto, ma io posso dire di essere mentalmente forte. Vado in gestione automatica durante lo sforzo per quel che riguarda il cosa e come dell’alimentazione ad esempio e mi concentro sul resto che è stato provato e riprovato come ritmo, cadenza. Sono anche istruttore di apnea e questo a livello mentale è ottima scuola”.

La storia di Daniele merita un approfondimento che forse aiuta a meglio comprendere l’atleta. Nel 2017 con la qualificazione ai campionati Italiani Elite, i migliori 100 atleti della penisola, in tasca, arriva un avversario difficile da battere. Cure pesanti, ma supera il momentaccio. Supera anche una ricaduta tre anni dopo ma le gare sono un ricordo. “Non è stato facile risorgere e la testa mi ha aiutato tanto. I controlli adesso sono a posto…mi dicono di non strafare, ma come si fa!”

“A Nizza non ho speranze particolari, nel senso che è già una vittoria essere qui e voglio divertirmi. Tutto quel che viene sarà ben accetto, ma riuscissi a stare ancora sotto le 10 ore sarebbe perfetto”.

COMUNICATO STAMPA_Prosegue l'attività del Cus Ferrara triathlon

Prosegue la stagione agonistica del Cus Ferrara Triathlon; nella sprint disputata a Cremona (0,75 km a nuoto, 20 km in bici, 5 km di corsa) Alessio Balboni si è ben disimpegnato con l’ottavo posto di categoria, in una gara caratterizzata dal livello molto alto dei partecipanti.

A Civitanova Marche invece si è svolta la 5^ tappa del circuito APS di paratriathlon con Luca Lunghi che sale sul podio grazie al terzo posto nella propria categoria.

Nell' altro triathlon sprint di Faenza, gara resa molto difficoltosa dalle condizioni climatiche caratterizzate dal grande caldo e da un’umidità soffocante, Luca Barboni è il migliore degli atleti cussini al traguardo con un ottimo 7° posto di categoria, seguito a brevissima distanza da Piero Tumiati (11°) e Mirco Bertasi (7°). Belle prove anche di Luca Visentini (13°) e Stefano Giordani (15°) che ha dovuto fronteggiare un inconveniente tecnico occorso alla sua bicicletta.

Il prossimo fine settimana vedrà anche l’impegno di Daniele Di Fresco a Nizza, nel Campionato Mondiale su distanza Ironman (3,8 km a nuoto, 180 in bici, 42 di corsa), che dopo la qualifica ottenuta con la folgorante prova di Klagenfurt dello scorso luglio, proverà a raccogliere un ottimo risultato anche nella gara francese.

Proseguono anche le competizioni a livello nazionale con il Triathlon Olimpico di Porto Tolle e lo sprint di Chioggia, gare di avvicinamento ai Campionati Italiani individuali e a squadre in programma a Cervia nel fine settimana a cavallo tra settembre e ottobre.

Sabato ci sarà anche l’appuntamento con l’Open Day Cus, presso gli impianti di Via Gramicia; una giornata di festa dedicata alla presentazione di tutte le discipline offerte dalla società e al bilancio della stagione appena trascorsa.

Anche la sezione triathlon sarà presente con il proprio stand, dove sarà possibile chiedere informazioni su orari, tariffe e specifiche tecniche.

La giornata prenderà il via alle ore 15.30 con esibizioni di tutte le discipline con giochi e sorprese per i più piccoli. Alle ore 17.30 saranno poi previste le premiazioni degli atleti Cus che si sono distinti durante la stagione 2022/2023 tra cui la portacolori del Cus Ferrara Triathlon Anna Zanettin.

Nella foto Davide Mainini rappresenta il Triathlon all'open day del Cus Ferrara.

COMUNICATO STAMPA –  Sabato l’ “Open day-sport insieme” del Cus Ferrara

Negli impianti di via Gramicia una grande festa di inizio stagione per tutte le attività

Con il patrocinio del Comune di Ferrara e del Coni, si svolgerà sabato a partire dalle 15,30 negli impianti di via Gramicia, il primo “Open day – sport insieme” del Cus Ferrara, una vera e propria festa di inizio stagione dove tutte le sezioni del centro sportivo universitario si presenteranno alla cittadinanza.

Nei 13 gazebi dislocati nell’area verde dalle 15,30 alle 19 si potranno ricevere informazioni dettagliate sulle varie discipline, mentre i più piccoli potranno provare liberamente e gratuitamente atletica, rugby, triathlon, brazilian jiu jitsu, nuoto, danza, weighlifting olimpionico, golf, tennis, canottaggio, judo, crossfit, calcio, basket e giocasport. Saranno date informative su tutte le attività corsistiche come joga, pilates, eccetera.

Sempre per i più piccoli ci saranno diverse attrazioni. In uno spazio idoneo sono stati collocati giochi gonfiabili inoltre, grazie alla collaborazione con l’Associazione Nazionale Vigili del Fuoco di Ferrara, ci sarà “Pompieropoli” dove tutti i mini atleti indossati casco e pettorina potranno essere “pompieri” per un giorno.

Immancabili le esibizioni di judo, rugby, sollevamento pesi, tennis, danza e le premiazioni degli atleti cussini che si sono distinti a livello nazionale ed internazionale, cui sono stati invitati il Sindaco Alan Fabbri, la Rettrice Professoressa Laura Ramaciotti ed il Delegato Coni Ruggero Tosi. Riconoscimenti per il campione mondiale di canottaggio Simone Pappalepore, Ilaria Mazzanti medaglia d’oro con la nazionale di nuoto in Coppa Comen con la compagna Anastasia Pasti, Luce Gamanjii, giovane sollevatrice di pesi bronzo italiano di strappo, poi Victor Cushnir e Nicola Guglielmo per il brazilian jiu jitsu, i campioncini del tennis cussino Mattia Cogo ed Andrea Occhiali e la triatleta Anna Zanettin.

In serata è prevista la vera e propria festa di tutte le sezioni con panini, bevande e dj set di "Sono Cavo".

Capifila del progetto i nuovi dirigenti della sezione rugby capaci di contagiare con entusiasmo le altre sezioni. "L'idea della festa è venuta dalla necessità di ridare slancio all'attività sportiva giovanile e di creare un'identità comune all'interno del CUS, dicono all’unisono i dirigenti. Crediamo fermamente che lo sport giovanile formi adulti migliori, oltre a fisici più sani; purtroppo la pandemia ha portato in tutta la nazione un progressivo calo dei giovani interessati a praticare attività sportive, con documentate ripercussioni sociali. Noi ci impegneremo al massimo per invertire questo trend, per far riscoprire la gioia e i benefici dello sport. Anche per questo motivo abbiamo deciso di fare questo evento tutti insieme: lo sport è condivisione e partecipazione anche tra discipline diverse, è confronto e crescita. A prescindere dalla disciplina praticata, siamo fermamente convinti che qualunque atleta debba sentire il Cus come la propria squadra e qualunque altro atleta Cus come un suo compagno. L'obiettivo è crescere tutti insieme".

Decisamente orgoglioso il Presidente del Cus Ferrara Giorgio Tosi.” L’Open day è una di quelle iniziative su cui il Cus punta per dare visibilità alla completezza delle attività societarie, cercando di far percepire il volume del nostro impegno nelle proposte sportive generali per giovani, studenti ed adulti. Queste vanno oltre il mero sport e vogliono dire integrazione, conoscenza e reciproco apprezzamento”.

COMUNICATO STAMPA. Tennis: Carlo Alberto Caniato protagonista a New York

Agli US Open il ferrarese entra nel main draw e raggiunge i quarti di finale

Carlo Alberto Caniato tennista nato sportivamente al Cus Ferrara, ha giocato da protagonista lo slam degli US Open di New York, entrando dalla porta principale del main draw, potendo usufruire di un “SE”, che nel gergo tennistico significa “special exempt”, un lasciapassare per meriti ad un giocatore che avrebbe dovuto partecipare alle qualificazioni.

Questo pass è stato conquistato dopo avere ottenuto nella settimana precedente, un quarto di finale nella tappa mondiale di grado 1 a Repentighy, comune del Canada, situato in Quebec.

In questo sobborgo di Montreal, Carlo Alberto, partito come numero 77 al mondo, è riuscito a sconfiggere il canadese Jason Huang per 61/62, il coreano Jeangiun Kim, 45 mondiale ITF, per 76/76 e l’Indiano numero 80 ITF Manas Dhamme per 26/62/63. Quarti e main draw New York raggiunti, ma nel turno sconfitta contro il numero 20 al mondo, l’estone Oliver Ojakaar per 64/57/75,

Uscito dall’Open canadese con sensazioni molto positive, Carlo è potuto partire per New York con tanta fiducia e voglia di dimostrare il suo valore. “Litos”, alla seconda esperienza slam giovanile dell’anno dopo l’erba di Wimbledon, ha giocato da fresco numero 68 mondiale il primo turno contro il giocatore USA Alexander Razeghi, numero 38 ITF, giocando e perdendo il primo set 62.

Reazione immediata del giovane ferrarese e pronto riscatto negli altri due parziali, vinti 62/63, con la qualificazione al secondo turno contro la testa di serie numero 5 del tabellone, l’ex numero 1 mondiale e finalista Rolan Garros, il boliviano Juan Carlos Prade Angelo.

Partita di qualità e consistenza incredibili da parte di Carlo, che lo hanno portato a vincere per 64/63, giocando in spinta a tutto campo, con accelerazioni di diritto in ogni zona, una serie di rovesci vincenti in lungolinea che non hanno lasciato scampo al più quotato sudamericano, ed una prima di servizio che ha sfiorato diverse volte i 200 km orari. Partita praticamente perfetta per Carlo che, intervistato a fine partita, dichiarato di essere contentissimo della sua partita e di essersi adattato molto bene alla superficie in duro di New York.

Negli ottavi, raggiunti come probabile ranking top 50, un avversario molto impegnativo l’americano Learner Tien, numero 11 del tabellone, reduce con una wild card nel tabellone principale senior, dal primo turno perso contro Tiafoe per 62/75/61.

La partita programmata sulla Grandstand di Flushing Meadows, ha visto un inizio molto positivo con tennis in equilibrio fino al 4 pari. Sul servizio e vantaggio per andare 5 pari, i tre punti successivi persi, sono valsi il primo set.

Contro un solidissimo Tien, giocatore mancino ed esperto sulle superfici rapide e finalista agli Australian Open di gennaio, l’inizio del secondo set è stato fatale a Carlo Alberto; subito il break quasi subito, ha sempre rincorso nel punteggio, cercando a metà del set una reazione che non ha portato i risultati sperati, concludendo con la sconfitta per 64/63.

Rimane una grandissima soddisfazione: l’avere dimostrato di essere competitivo con i più forti giocatori al mondo, conscio di avere ancora un grande margine di miglioramento.

COMUNICATO STAMPA : Ottimi risultati nel week end per il Cus Ferrara Triathlon

 Di Fresco finisher nell’Ironman di Nizza, Elena Stegani bronzo a Porto Tolle

Terminare un Ironman è un sogno per chiunque faccia triathlon, completarne due nella stessa stagione è un privilegio per pochi. Dopo la qualifica ottenuta nello scorso mese di giugno in Austria, per l’atleta del Cus Ferrara Daniele Di Fresco era giunto il momento di vivere il Campionato Mondiale di Ironman, disputato domenica scorsa a Nizza. Una gara che - oltre alle distanze già di per sé proibitive (3,8 km a nuoto, 180 in bici, 42 km di corsa) - ha la particolarità di una frazione ciclistica molto impegnativa, con oltre 2500 metri di dislivello.

Tutte queste caratteristiche hanno esaltato il coriaceo atleta giallonero che, dopo aver gestito al meglio le prime due frazioni, ha stretto i denti giungendo al traguardo in 10h55’13”, che gli sono valsi, oltre alla soddisfazione della qualifica di “finisher”, anche l’ottimo 64° posto mondiale di categoria. Una stagione davvero da incorniciare per Daniele Di Fresco e in generale per il Cus Ferrara Triathlon, che ora attende il 14 ottobre per la prova femminile che verrà disputata alle Hawaii, in cui sarà protagonista Roberta Scabbia. 

Nel week end non solo Mondiali di Ironman per la società estense; proseguono infatti le gare del calendario nazionale, che sta vivendo il suo momento più intenso. A Porto Tolle è andato in scena un triathlon olimpico (1,5 km a nuoto, 40 km in bici, 10 km di corsa) con la particolarità della scia vietata nella frazione ciclistica. Grandi risultati arrivano dal settore femminile, con Elena Stegani che coglie l’ennesimo podio stagionale con un pregevole 3° posto di categoria. Molto bene anche Maddalena Penzo, 5^ al termine di una prova sui pedali di primissimo livello. Ritirata purtroppo Serena Guagliata per un problema nella corsa. Nella prova maschile brilla Marco Frilli, che grazie al nono tempo assoluto nella frazione ciclistica, trova un importante 8° posto di categoria. Molto bene anche Davide Liboni (11°), Carlo Trevisan (23°) e Davide Pignatti (25°).

Domenica infine, nel triathlon sprint disputato a Chioggia, bellissima prova di Alessio Balboni, specialista delle brevi distanze, che al termine di una gara in rimonta chiude con un ottimo 7° posto di categoria. La settimana prossima invece, grande attesa per Denis Grandi, Christian Guerra e Mellie Mongis, i tre atleti gialloneri che disputeranno il triathlon 70.3 (1,9 km a nuoto, 90 km in bici e 21 km di corsa) in programma a Cervia.

COMUNICATO STAMPA : Triathlon, Guerra e Mongis protagonisti a Cervia

Ancora ottimi risultati per il Cus Ferrara Triathlon in questo mese di settembre ricco di soddisfaziini. A Cervia è andato in scena il fine settimana dell’Ironman, con le prove del full (3,8 km a nuoto, 180 in bici e 42 di corsa) e del  70.3 (1,9 km a nuoto, 90 in bici e 21 di corsa).

Proprio in quest’ultima distanza si sono cimentati i due portacolori gialloneri, Christian Guerra e Mellie Mongis, tutti e due al loro esordio e entrambi capaci di giungere al traguardo mettendosi così al collo l’ambita medaglia di "Finisher".

Christian Guerra ha disputato in particolare un’ottima frazione ciclistica, gestendo al meglio la mezza maratona finale, chiudendo in 5h28’07” che gli è valso l’84° posto di categoria.

Grandissima prova anche per Mellie Mongis, bravissima nella frazioni di nuoto e ciclismo e stoica in quella a piedi, che le ha consentito di restare sotto le 6 ore e chiudere in 5h56’36” che le sono valsi anche il 27° posto di categoria. 

La stagione delle lunghe distanze non finisce qui. Domenica 1 ottobre Davide Peschiaroli sarà in scena nell’Ironman di Barcellona, poi il 14 ottobre Roberta Scabbia vivrà la grande emozione del campionato Mondiale alle Hawaii.

Tornando alle gare di casa nostra, domenica 24 settembre è in programma l’Irondelta, gara che si disputerà al Lido delle Nazioni sulle doppia distanza olimpico e sprint. 

La settimana successiva sarà poi la volta dei Campionati Italiani su distanza sprint, con la prova individuale sabato e quella a squadra la domenica, in cui il Cus Ferrara Triathlon sarà presente sia nella prova “mixed relay” con Scaglianti, Stegani, Barboni e Guagliata, che in quella “coppa crono” in cui invece saranno di scena Tumiati, Balboni, Liboni, Guerra e Mainini.

COMUNICATO STAMPA

Tennis: Il Cus Salvi conquista il titolo di “macroarea” ed è fra le 8 migliori società d’Italia.

Il successo ottenuto a Cervia spalanca le porte delle finali nazionali di Casale Monferrato

Altro successo di prestigio per la compagine under 14 del Cus-Salvi ai campionati italiani di categoria. Dopo aver conquistato il titolo regionale a giugno, lo scorso week end Andrea Cogo e Mattia Occhiali, i protagonisti di questo piccolo capolavoro sportivo, hanno conquistato presso il Ten Sport center di Cervia, il titolo nella fase “macroarea” centro nord, raggiungendo nel contempo la qualificazione alla fase finale della competizione in calendario nel week end a Casale Monferrato riservata alle migliori 8 società d’Italia.

Qualificato il gruppo delle partecipanti a questa fase con Cervia, Fidenza, Foligno, Fidenza, Fermo, Pontedera, Prato, con il sorteggio che per la prima partita oppone i cussini al Tennis club Giotto di Arezzo, vicecampioni della toscana.

Andrea Cogo, classificato 3.1, opposto al 3.3 Brando Andreani, dopo un avvio molto contratto, ha trovato le giuste energie ed il suo migliore livello, riuscendo a prevalere per 75/62, dimostrando carattere da combattente ed un tennis fatto di moltissime soluzioni. Mattia Occhiali, classificato 3.1, è sceso in campo contro il 3.1 Zeno Roveri, ed ha battagliato in una partita che è sembrata da subito molto dura e di lunga durata. Dopo un primo set terminato 64 per Arezzo, Mattia ha reagito portandosi avanti nel punteggio, ma dopo alcune occasioni mancate e tre ore di partita, ha dovuto arrendersi 75 anche nel secondo parziale.

Visibilmente provato fisicamente dai 30 gradi e dalle tante ore di gioco, Mattia e Andrea, nel doppio decisivo contro il duo Roveri-Bramanti, sono riusciti a prevalere per 64/76 dopo oltre due ore di gioco in una giornata infinita terminata con le luci artificiali alle 21. Il successo 2-1 consente di disputare, contro il Tennis Bisenzio di Prato, la partita finale per l’accesso al raggruppamento delle migliori otto formazioni in Italia, determinate dai vari blocchi di macroarea.

Inizio subito in salita per Cogo contro il 3.2 Neri Sanesi, già giustiziere dello stesso Andrea agli italiani individuali del mese di agosto. Parziali di 3-0 e 4-1 nel primo set, che hanno portato Andrea a combattere punto su punto, modificando la sua tattica iniziale da gioco solo di spinta da fondo a variazioni continue con cambi di ritmo, palle corte e discese a rete. Tutto questo ha portato a ribaltare il risultato e l’inerzia della partita, conclusa 76 nel primo parziale a favore del cussino.

Sanesi crolla sotto la carica agonistica di Cogo che si aggiudica 61 il secondo set.

Mattia Occhiali, opposto al pari classifica Diego Callipo, ha lottato su ogni palla, non riuscendo nell’intento di avere il sopravvento sul toscano, che ha concluso la sua fatica per 64/64.

Tutto rimandato ancora al doppio decisivo con la coppia cussina opposta a Callipo ed il 3.2 Cesare Tartoni. Partenza perfetta dei ferraresi che regolano 61 gli avversari. Mantenuto ordine e livello anche nel secondo set, la partita si è conclusa 61/63, nonostante un problema alla schiena per Cogo nelle battute finali.

Grandissima soddisfazione in casa Cus e festa sul posto per i ragazzi, le famiglie al seguito, il preparatore atletico Davide Ghidoni, ed il tecnico accompagnatore Ferdinando De Luca, che ha rimarcato il fatto di essere l’unica formazione giovanile al maschile ad avere raggiunto questo traguardo nella storia del tennis ferrarese. In ambito femminile bisogna tornare indietro ai primi anni ‘90 con i successi targati Cus al femminile di Giulia Casoni in coppia con la ligure Alice Canepa.

Questo successo di Cogo ed Occhiali, raggiunto dopo i tentativi da under 12 a Perugia nel 2021 e primo anno under 14 a Pistoia nel 2022, degli under 16 Cavicchi, Masetti e Spettoli sempre a Pistoia nel 2015, degli under 12 di Caniato, Luti e Valentini nel 2017 a Montelparo nelle Marche ed infine le ragazze campionesse regionali under 12 Ravani e Ronconi a Foligno nel 2019.

Tutti questi risultati portano il Cus Salvi ad essere l’unica società del territorio ad avere raggiunto questi risultati per ben sei volte in nove anni, inserendosi di diritto tra le migliori scuole agonistiche non solo della regione.

COMUNICATO STAMPA – Triathlon, l’Irondelta incorona una super Serena Guagliata

Nella Sprint medaglia d’oro per l’altro cussino Luca Barboni

Si è disputato domenica scorsa al Lido delle Nazioni l’Irondelta, storica gara di triathlon che va in scena da ormai più di trent’anni e che quest’anno ha vissuto nella stessa giornata la prova di triathlon olimpico e quella su distanza sprint. Dopo qualche anno di trasloco al lago, la location è tornata a essere quella del lido e di Piazza Italia, con numerosi appassionati accorsi per vedere all’opera gli atleti.

Il Cus Ferrara Triathlon si regala una prova magistrale di Serena Guagliata, che sulla distanza olimpica (1,5 km a nuoto, 40 km in bici e 10 km di corsa) mette in scena la gara perfetta, limitando i danni a nuoto e scatenando la rimonta prima in bici e poi a piedi, chiudendo addirittura in ottava posizione assoluta ma soprattutto mettendosi al collo la medaglia d’oro della propria categoria.

Nella stessa gara al maschile, ottime prove di Alessio Balboni (12° di categoria) e Mirco Bertasi (5°).

Arriva un primo posto di categoria anche dalla distanza sprint (0,75 km a nuoto, 20 km in bici, 5 km di corsa) con Luca Barboni che si accomoda sul gradino più alto del podio, grazie alla solita impeccabile frazione di nuoto, confermata poi sui pedali, grazie all’impegnativo allenamento svolto nell’ultimo periodo e nella conclusiva parte a piedi.

Molto bene anche gli altri atleti gialloneri al via, Piero Tumiati (6° di categoria), Davide Mainini (4°), Davide Pignatti (13°), Christian Guerra (9°), Riccardo Sarti (21°) e Luca Lunghi (30°).

Neanche il tempo di tirare il fiato e domenica prossima, per gli specialisti delle distanze corte sarà già ora di Campionati Italiani sprint individuali e a squadre, con ben 6 portacolori nella gara individuale e addirittura dieci in quella a squadre, divisi nella gara mixed relay e quella di coppa crono a squadre. Sempre domenica prossima infine, Davide Peschiaroli sarà al via dell’Ironman di Barcellona. 

COMUNICATO STAMPA – Tennis: il Cus Salvi sesto alle finali nazionali Under 14

A Casale Monferrato Cogo ed Occhiali colgono il prestigioso risultato tra i big della categoria

Si è chiusa con un brillante sesto posto l’avventura del Cus Salvi nel campionato nazionale di tennis Under 14 che ha visto svolgersi le finali a Casale Monferrato, nella affascinante location del Circolo tennis, con ospiti le vincitrici delle cinque zone di macroarea. Bolzano per la zona nord-est, Alessandria e Casale Monferrato per il nord-ovest, Pontedera e Cus Ferrara per il centro nord, Sutri (Viterbo) e Torre del Greco(Napoli) per il centro sud e Maglie (Lecce) per il sud.

Protagonisti ferraresi Andrea Cogo e Mattia Occhiali i due giovani classe 2009 partiti a marzo con le prime fasi a gironi per poi trionfare a livello regionale nella finale vinta contro il Tc Fidenza di metà giugno. Vittoria nella fase di macroarea con Arezzo e Prato, entrambe al doppio di spareggio, un successo che li ha portati tra le otto pretendenti al titolo.

Il sorteggio ha visto il Cus Salvi opposto ai quarti alla Tennis Academy di Maglie (Lecce) e qui Andrea e Mattia hanno perso i singolari, rispettivamente da Riccardo Manca per 64/61 e Dennis Spircu per 60/63, giocando partite al di sotto delle loro potenzialità, seppur con due ragazzi molto forti e di alto valore nazionale. Prima giornata con sconfitta e tabellone dal quinto all’ottavo posto nelle restanti giornate di gara. La pioggia però ci mette lo zampino e sabato le partite sono spostate sui campi coperti del circolo tennis Borsalino di Alessandria.

Nella seconda fase contro il Tennis Torre del Greco (Napoli), i singolari terminano in parità. Occhiali nulla ha potuto contro Federico De Matteo, uscendo sconfitto 62/64 ma dimostrando comunque di essere in una buona giornata. Sullo 0-1, Cogo ha tirato fuori una delle migliori prestazioni stagionali, riuscendo ad avere la meglio sul coetaneo campano Francesco Mei con un severo punteggio di 62/60, giocando una partita pressoché perfetta. Spinto da un livello decisamente alto, Andrea e Mattia, riescono nell’impresa di vincere il doppio di spareggio 62/63, guadagnandosi la possibilità di disputare la finale per il quinto e sesto posto contro il Tennis Colle Diana di Sutri, in programma la mattina di buon’ ora, nonostante le squadre siano rientrate in albergo la sera tardi.

Sconfitta al doppio spareggio per i due cussini, con singolare perso 64/64 da Mattia contro il quotato Andrea De Luca, dopo avere disputato la migliore prestazione dei tre incontri disputati.

Pareggio di Andrea contro Edoardo Morera per 62/62, dimostrando di essere in un momento veramente positivo, giocando a livello di seconda categoria. Nel doppio decisivo, dopo un inizio promettente con il vantaggio di 43, calo della coppia ferrarese e inerzia passata a favore dei laziali, che andavano a rimontare concludendo 64/64.

Sesto posto e qualche piccolo rammarico, ma grande soddisfazione per avere raggiunto un risultato che entrerà di diritto nella storia del tennis locale. Mai una formazione al maschile, aveva raggiunto le finali del campionato italiano. Per la cronaca titolo conquistato dal Tennis club Cassine di Alessandria con i fortissimi classificati 2.7 e 2.8 Pansecchi e Rossi.

COMUNICATO STAMPA - Atletica: svolti a Bologna i Campionati Regionali cadette

Cus Ferrara nelle retrovie. Adesso si attende il “Trofeo delle Province”.

Si sono svolti a Bologna i Campionati Regionali Individuali e di Società della categoria Cadetti e Cadette cui ha partecipato il Cus Ferrara con un gruppo di atlete presenti come individualiste. Beatrice Barigozzi, ha partecipato alla gara degli 80 metri ad ostacoli, Giorgia Francioso, ha corso i 300 metri, Virginia Pelati e Margherita Reggi per i 1000 metri e la saltatrice in alto Emma Tagliati. Il risultato migliore l’ha ottenuto Beatrice Barigozzi, con il tempo di 14.77 negli 80 metri ad ostacoli abbassando il suo precedente record e giungendo al quattordicesimo posto assoluto. Giorgia Francioso, con solo qualche allenamento nelle gambe, non è riuscita ad andare oltre i 46.39 nella gara dei 300 metri in cui si presentava con il quinto tempo di iscrizione di 43.8, scivolando in tredicesima posizione. Le ragazze che hanno partecipato all’affollata serie dei m 1000 (ventitré concorrenti tutte insieme) non sono riuscite ad esprimersi al meglio: Virginia Pelati, meglio posizionata rispetto alla compagna nello schieramento di partenza, è riuscita a non rimanere intrappolata portandosi rapidamente davanti alle avversarie e cercando di mantenersi in una buona posizione, che le ha consentito di chiudere quarta della prima serie con 3:33.43 e ventiquattresima nella classifica generale. Margherita Reggi, invece, ha subito un avvio incerto rimanendo chiusa dalle avversarie che hanno rallentato il suo ritmo gara, costringendola a correre al di sotto delle sue possibilità: 3:47.84 il suo tempo finale.

Un improvviso forte acquazzone, con tanto di grandinata, ha interrotto e costretto al rinvio la gara di salto in alto, dove Emma Tagliati era riuscita a saltare 1,25 m alla prima prova sbagliando di poco l’1,35 quando già era iniziato a piovere e subito dopo la gara è stata sospesa.

Ora la stagione agonistica si concluderà il 15 ottobre con il Trofeo delle Province, per il quale il delegato Fidal Rubini e il Tecnico Parigi sono all’opera per formare la squadra che rappresenterà Ferrara, selezionando gli atleti con i migliori risultati per ciascuna gara in programma.

bottom of page